Museo Napoleonico

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Approfondimenti

I Bonaparte e Roma

«Roma, la città che Napoleone aveva vagheggiato come coronamento del suo sogno imperiale considerandola seconda solo a Parigi e che, peraltro, mai riuscì a vedere, rappresentò, invece, per molti membri della famiglia Bonaparte il luogo dove si consumò il tempo dell’ombra e della diaspora, definitivamente chiuso, con la sconfitta di Waterloo, il tempo della gloria e dei fasti imperiali. Tuttavia, il rapporto dei Bonaparte con Roma ha inizio agli albori dell’epopea napoleonica, quando, a seguito della vittoriosa Campagna d'Italia condotta dal giovane generale Bonaparte, lo Stato Pontificio è costretto a piegarsi alla pace di Tolentino, a riconoscere la Repubblica Francese ed accettare quale ambasciatore Giuseppe, fratello maggiore di Napoleone.

Il saggio di M.E. Tittoni, direttore del Museo Napoleonico, è stato pubblicato su «Capitolium», 2 (1997), n. 6, p.85-89.

torna al menu di accesso facilitato.