Sala VIII - Mito e satira

Napoleone rappresentò, negli anni successivi alla sua caduta e alla sua morte, una figura rilevante nell’immaginario collettivo francese ed europeo. Nella sala sono raccolte alcune testimonianze della vitalità del mito napoleonico negli anni centrali del XIX secolo, anche attraverso stampe popolari, non raffinate ma significative.

Una menzione particolare meritano le immagini cosiddette crittografiche: nelle violette, o nelle sagome degli alberi sono dissimulati i profili di Napoleone e dei suoi familiari. Se queste immagini si debbono ad ambienti filo-bonapartisti, sono presenti in sala anche immagini satiriche e caricaturali, volte soprattutto a sottolineare la durata effimera dell’impero napoleonico: è da notare quella in cui Napoleone gioca con le bolle di sapone – le sue conquiste – mentre il figlio riceve nel cappello il Regno di Roma.
 Il grande lampadario acquistato sul mercato antiquario, di fattura quasi sicuramente russa, è riferibile comunque agli anni del Primo Impero.